Come Dipingere una Parete di Mattoni Pieni

Se il colore della parete di mattoni non ti piace più, o se non riesci a eliminare tutte le tracce di intonaco o di pittura, potrai provare a dipingerla, lasciando comunque intatto il disegno dei mattoni. Segui questa guida per poter ravvivare la tua parete in mattoni.

Per prima cosa, uno dei metodi che potrai utilizzare saranno le idropitture, ovvero dovrai dare la prima mano applicandola come strato di fondo, diluita a parità di volume con acqua, per esaurire la capacità di assorbimento della superficie dei mattoni. Poi provvedi ad applicare due mani di pittura pura con l’utilizzo di un pennello.

A questo punto, se avrai utilizzato un trattamento qualsiasi che comprenda l’uso di acqua sulla parete, dovrai lasciare che tutto si asciughi completamente prima di tentare di sigillarla. Il periodo di essiccamento dipenderà soprattutto dalla porosità dei mattoni, ma anche dall’acqua che gli stessi avranno assorbito e dalle condizioni atmosferiche.

Adesso abbi l’accortezza di non dipingere o verniciare i mattoni ancora umidi, se lo farai si verificherà il fenomeno dell’afflorescenza, cioè la comparsa di macchie biancastre che ne rovineranno l’effetto. Se anche una volta asciutta la parete non ha l’aspetto che volevi, potrai provare a raschiarne leggermente, a mano, la superficie usando sia un blocco di carta vetrata grossa sia un mattone duro dalla superficie ruvida.

Come Realizzare Orecchini all’Uncinetto

Se sapete lavorare all’uncinetto e vi adoperate spesso (anche solo per oggi) a realizzare dei simpatici oggettini o piccolissimi centrini nelle svariate forme, perchè non provare a realizzare qualcosa per portarle sempre in bella mostra. Ecco una breve guida per realizzare gli orecchini.

Dopo avere realizzato lo schema che preferite (ovviamente considerate che si tratta di orecchini, quindi dovranno avere un limite a livello di grandezza), potete scegliere se lasciarli naturali oppure potete inamidarli semplicemente per renderli più rigidi o addirittura, potete fare nel modo seguente.

Prendete un bicchiere e versate un tot di colla vinilica e la stessa quantità di acqua. Mescolate bene il tutto, quindi, aiutandovi con un pennello, spennellate su tutta la superficie dell’oggetto all’uncinetto. Aspettate che asciughi perfettamente e vi accorgerete che sarà più rigido rispetto alla semplice inamidatura.

Considerate che con questo trattamento il colore potrebbe diventare leggermente più scuro. A questo punto potete applicare gli anellini di metallo: scegliete un punto dell’oggetto (che sarà uguale per entrambe le orecchine) e applicate un anellino.

Come Cambiare l’Indirizzo di Recapito della Bolletta

Per motivi di lavoro, per vacanza, per trasloco, potresti avere l’esigenza di dover ricevere le fatture Enel presso un altro indirizzo. Vediamo con questa guida come modificare l’indirizzo di recapito delle fatture, evitando così di pagare servizi aggiuntivi.

Se per motivi di lavoro, vacanze o di temporanea assenza desideri modificare l’indirizzo di recapito delle fatture energia elettrica Enel senza pagare servizi aggiuntivi, puoi farlo tramite questa pagina. Click su Accedi sulla destra, inserisci le tue credenziali. Se non sei ancora registrato procurati una bolletta Enel recente, vai sul sito e registrati.

Dopo l’accesso ti comparirà una schermata simile a questa Clicca sulla sinistra sulla voce Modifica il recapito. Ti compare una pagina che riporta in alto tutti i tuoi dati personali: Numero Cliente, Codice POD, Indirizzo di fornitura, Potenza, Tariffa e attuale indirizzo per il recapito delle bollette.

A fine pagina compare un modulo per l’inserimento del nuovo indirizzo per il recapito delle bollette ENEL. Qui devi inserire Nominativo, Indirizzo, CAP – Località, Provincia. Click su prosegui e continua con la procedura ENEL. Completata correttamente la procedura, riceverai le bollette all’indirizzo di recapito desiderato.

In caso di problemi è possibile seguire questa guida sul numero verde di Enel per parlare con un operatore e ottenere maggiori informazioni.

Come Realizzare la Fodera per una Sedia

Vuoi bellezza a una vecchia sedia del tuo salotto. Non c’è niente di più facile, bastano, infatti, pochi accorgimenti e soprattutto tantissima fantasia. In questa guida utilissima ti darò tutte le indicazioni su come fare e tutto sarà estremamente semplice.

Come prima cosa, devi sapere che per fare in modo che il rivestimento della sedia possa essere applicato, è opportuno che tu abbia rivestito precedentemente la sedia stessa con un foglio di imbottitura sintetica. Dopo aver fatto ciò, taglia dei pannelli in tessuto per la parte anteriore e posteriore dello schienale e della seduta secondo le misure della sedia, aggiungendo quattro centimetri per i margini di cucitura.

Segna, poi, con degli spilli il centro e l’alto di ciascun pannello di tessuto. Appoggia, quindi, il pannello anteriore di tessuto allo schienale della sedia con il rovescio verso l’esterno. Adatta il pannello alla sedia distendendolo bene con le mani. Parti dal centro e prosegui verso destra e sinistra formando delle piccole pince con gli spilli.

Lungo il bordo del pannello in tessuto dello schienale cuci a macchina un profilo imbottito. Rimonta, quindi, il pannello rovescio sullo schienale della sedia. Adatta il pannello posteriore fermandolo con gli spilli. Cuci a macchina i due pannelli mantenendo il lavoro morbido e rifinisci la cucitura eseguendo uno zigzag.

Infine, rimonta il rivestimento dello schienale sulla sedia sempre a rovescio e appoggia, ancora a rovescio, il pannello della seduta già tagliato. Fissa, poi, con gli spilli il pannello della seduta a quello dello schienale e cuci a macchina. Rifinisci, a questo punto, la cucitura eseguendo uno zigzag e monta nuovamente il rivestimento a diritto sulla sedia.

Come Decorare un Armadio

Se come me, siete appassionati dei mobili in stile antico, in arte povera, ora vi insegno qualche piccolo metodo per ravvivarli e per renderli più vivaci. Con qualche prodotto ed un pochino di pazienza, imparerai presto anche tu, seguimi.

I mobili in stile antico, non passano mai di moda e sono stupendi a mio avviso, ma a volte, perdono luminosità, si rigano e magari ci stancano anche un pochino. Ora ti spiego come procedere per ravvivarli. Spolvera molto bene il mobile con uno spray per mobili ed un panno di flanella, a questo punto, prendi l’olio lucidante.

Passalo accuratamente sulle righe, lascialo agire per qualche ora e quindi strofina molto bene per togliere l’olio in eccesso (l’olio si trova anche al supermercato, c’è in vari colori, scegli il più adatto), passa della cera per mobili del colore adatto, dove vedi piccoli buchetti, per riempirli, ripassa un pochino di olio sopra per rendere uniforme il tutto.

Se ti sei semplicemente stancato del mobile, puoi applicare degli stencil adesivi, (si trovano nelle colorerie o in grandi negozi per la casa) magari con motivi floreali tipo rose con gambo o edera che danno l’effetto di risalire sul mobile, oppure applica una decorazione un pochino più grande al centro (vaso di fiori, girasole), oppure metti una greca con motivi delicati, colorati in stile antico, fiori ecc, lungo le ante.